Domenica 23 Settembre 2018  

GIORNALE DI SERVIZIO ED INFORMAZIONE INTERNAZIONALE

IN EVIDENZA

  • Nessuna notizia in evidenza

GIANMARCO TOGNAZZI IN TOUR CON LA TOGNAZZA AMATA

A Frascati tappa a Villa Mercede


di Lorena FANTAUZZI


Eccoli i  vini de “La Tognazza Amata”  tornare  al ristorante “La Cucina con Vista”, a Villa Mercede, Frascati, ospite Gianmarco Tognazzi.

Una tappa per  la degustazione del vino Tapioco, Come se fosse Antani in una serata eno-gastronomica in cui il vino, la sua storia e il suo mondo trovano forma e nei gusti nelle ricette dello chef. Il menu costruito intorno alle caratteristiche dei vini stessi propone: Fiori di zucca in pastella con mozzarella e alici, Risotto carciofi e pecorino,  Mezze maniche all’amatriciana, Agnello allo scottadito con cicoria ripassata e dulcis in fundo Maritozzo con gelato alle arance, scaglie di cioccolata e pinoli sabbiati.

Come sempre Gianmarco  l’ospite d’onore con tanto di note esplicative de La Tognazza amata, un brand di eccellenza enogastronomica, che sta portando avanti con successo sopportato dalla passione e premiato dal successo malgrado la giovane età del marchio.

Gianmarco, può raccontarci la nascita della Tognazza? Cosa ha spinto suo padre Ugo (nato a Cremona) a ritagliarsi questo angolo di paradiso a pochi passi da Roma, ai castelli romani?


Sicuramente l’amore per la campagna e la passione per la cucina. Il suo sogno era avere un orto e un posto tutto suo dove produrre direttamente le materie prime e gli ingredienti per i suoi mangiarini. Per prima cosa ha voluto vigne e uliveti per fare il suo vino e il suo olio (che sono poi i prodotti da cui abbiamo ricominciato), poi ha ampliato con alberi da frutti, ortaggi e anche il pollaio. Lui viveva per la cucina, era la sua “ossessione”.

La Tognazza Amata oggi è diventata un vero e proprio brand: ci può spiegare il segreto di questo successo?

In questi anni abbiamo dimostrato che fare le cose con gusto e passione porta lontano. La Tognazza Amata all’inizio per me era un tributo voluto ad Ugo. Ho ripreso a fare il vino e l’olio come quando li faceva lui con quello spirito conviviale. Con il tempo siamo cresciuti in qualità e ci siamo resi conto che il vino della Tognazza Amata è riconosciuto, voluto e apprezzato perché rappresenta non solo un prodotto di eccellenza, ma anche un pezzo della nostra cultura, visto che porta con sé una storia importante. Oggi la Tognazza è una realtà alternativa nel mondo del vino, un’azienda fatta di persone che condividono una filosofia e la portano avanti con la stessa passione che ci avrebbe messo Ugo.

Tra i vostri prodotti non poteva mancare l’omaggio al film “Amici Miei”, in cui Ugo ha disegnato uno dei suoi personaggi più riusciti, quello del conte Lello Mascetti. I vostri vini infatti sono denominati con alcune delle leggendarie espressioni presenti nel film: Come se fosse, Antani, Tapioco. Il vostro olio, poi, avete deciso di chiamarlo Brematurato (ancora “Amici Miei”). Un’intuizione geniale a mio parere.

Ce ne può parlare?

La scelta è chiaramente un tributo al film, ma non solo. Pochi sanno infatti che il film Amici Miei, le battute e le supercazzole nascono tra i fumi dell’alcol di quel vino il bianco e il rosso di Ugo) durante le cene (le cene dei dodici apostoli) che papà organizzava a casa per i suoi amici. E poi il richiamo ad Amici Miei è anche un richiamo implicito alla convivialità e all’amicizia che è la nostra forza e la nostra filosofia.

La Tognazza è anche solidarietà: il Phileo 47


Sì, un bellissimo progetto che portiamo avanti da due anni con l’Aipd – Associazione italiana persone down di Roma, con cui abbiamo seguito un percorso e un laboratorio per i ragazzi dell’associazione, che hanno lavorato con noi in eventi e serate. Un vino che nasce a scopo benefico, che ha come etichetta il disegno realizzato da Lucrezia una bambina di 6 anni con la sindrome di down.


Cosa significa per lei proseguire il sogno di suo padre?

Significa condividerlo con gli altri, significa fare della Tognazza un mondo aperto a tutti, in cui ritrovare storia, cultura, gusto, buon cibo e buon vino. Ma soprattutto una qualità che è figlia della tradizione di ieri e del’innovazione di oggi.

E' nata in questi giorni l'Associazione culturale Ugo Tognazzi, che sarà presentata ufficialmente nel mese di febbraio: può anticiparci qualcosa?


La nostra associazione appena nata, che porta il nome di mio padre, vuole essere uno strumento culturale e solidale attivo sul territorio 
con cui vogliamo valorizzare i Castelli Romani (e non solo) e le loro peculiarità. Abbiamo in programma una serie di attività per tutti dalla solidarietà, agli eventi enogastronomici, fattorie didattiche, cineforum e teatro. A fine febbraio ci sarà l’evento inaugurale ufficiale con la presentazione alla stampa, per poi avviare una serie di proposte davvero interessanti.


La frase:


“Una volta c’era una nonna, una mamma, una campagna, un orto. 
Ricreiamoli, dipende da noi.”  (Ugo Tognazzi)

altre notizie
Il prossimo evento

Caparezza incontra i fan a Romaest

Caparezza incontra i fan a Romaest e firma le copie del suo nuovo album 'Prisoner 709' Martedì 26 settembre, alle ore 17:00, presso l'area eventi, secondo piano ingresso nord, del Centro Commerciale Romaest, Via Collatina, 858, Caparezza incon [...]